ARMOCROMIA

COSA TROVERAI IN QUESTO MANUALE

INTRODUZIONE

VISTA E LUCE

TEORIA DEL COLORE

TEORIA DELLE 4 STAGIONI

PRIMAVERA

ESTATE

AUTUNNO

INVERNO

 

Sei pronta a cominciare?

 
Al termine di questo manuale conoscerai tutto quello che ti serve sapere sui colori e saprai orientarti nella scelta delle nuance perfette da usare vicino al viso o nella tua comunicazione online, per risultare sempre al meglio!
 

Se è la prima volta che mi incontri e ancora non sai chi sono puoi conoscermi meglio leggendo la mia bio

e seguendomi sui social:
 

INTRODUZIONE

Benvenuta in questo manuale che ti farà scoprire tutto quello che c’è da sapere sul colore e su quella scienza tanto amata dalla consulenza d’immagine che è l’Armocromia.

Sapevi che esistono colori che quando li indossi donano naturalmente al tuo aspetto maggiore personalità e carisma e migliorano la tua comunicazione? Sono quelli che in consulenza d’immagine chiamiamo colori “amici”.

Saper abbinare in modo originale i tuoi capi, anche in base ai loro colori, è sinonimo di uno stile personale unico e vincente. Inoltre sapere quali sono le tonalità più in linea con il tuo incarnato può farti scegliere quelle tinte che illuminano il tuo viso in modo naturale e creano armonia tra la tua pelle, il colore dei tuoi occhi e quello dei tuoi capelli.

Conoscere quali sono i tuoi colori “amici”:

  • Rafforza la tua identità comunicativa
  • Aumenta l’equilibrio psico-fisico
  • Migliora la tua immagine

È infatti inutile saper abbinare i capi presenti nel tuo guardaroba in modo impeccabile se questi non sono nei toni della tua palette personale.

Grazie a questo manuale potrai fare un primo passo verso una maggiore consapevolezza di quelle che sono le tonalità che producono miglioramenti alla percezione visiva del tuo viso.

Scoprirai che l’armocromia si basa su fatti reali e oggettivi: tutti noi abbiamo dei colori naturali che ci caratterizzano e ci rendono unici. L’obiettivo di questo manuale è aiutarti a identificare i tuoi colori naturali in modo da coordinare il tuo aspetto con i tuoi abiti e accessori e realizzare un’immagine armonica.

 

“Le persone sono spesso forviate nella scelta del loro abito dalla bellezza dei suoi colori piuttosto che preferire dei colori che possono aumentare la propria bellezza”

William Shenstone, Poeta Inglese 1714-1763

Usiamo molto spesso i colori vicino al viso: a partire dall’abbigliamento fino ai cosmetici, spesso però sottovalutiamo come le nuance che indossiamo interagiscono fisicamente con il nostro sottotono di pelle; saper individuare le tonalità che ci donano rappresenta un valido strumento da poter usare tutti i giorni per migliore il nostro aspetto e, di conseguenza, i rapporti personali e professionali.

Sapere indossare capi e accessori che esaltano e armonizzano il tuo incarnato ti farà sentire subito più sicura di te e della tua immagine influenzando positivamente il tuo modo di pensare, agire e reagire; i benefici di un corretto uso dei colori sono subito visibili:

  • la pelle si omogenizza e diventa luminosa, 
  • le imperfezioni si attenuano, 
  • gli occhi e capelli risultano più luminosi.

Indossare vicino al viso capi dai colori in armonia con la tua caratteristiche cromatiche focalizza l’attenzione sul viso, apparirai più giovane e sarai più interessante agli occhi di chi ti osserva.

...E se indossi i colori sbagliati cosa succede?

Una scelta di colori non armonica o, addirittura, in contrasto con il nostro sotto-tono di pelle può provocare effetti indesiderati come:

  • perdita del tono muscolare del viso
  • pelle spenta
  • l’incarnato assumere una colorazione grigiastra o giallastra
  • viso pallido e senza energia
  • aspetto invecchiato
  • imperfezioni del viso accentuati: occhiaie, rughe, punti neri, acne…

Ovviamente questo è solo un primo passo in questo mondo, il mio consiglio per un lavoro completo è una consulenza dal vivo con una professionista, tra le migliori in Italia ti consiglio le mie due amiche ed ex colleghe Elisa Bonandini e Angela Bianchi.

Durante la consulenza dal vivo si avvicinano al viso diversi drappi colorati secondo una precisa sequenza grazie ai quali è possibile osservare e confrontare i diversi effetti che questi hanno sul tuo viso. L’osservazione di questi cambiamenti permetterà di stabilite le gradazioni più adatte a te.

È il momento di entrare nel vivo di questo manuale, prima di guardarci allo specchio e capire quali sono i nostri colori personali e quali le nuance che più ci donano, facciamo un po’ di teoria del  colore!

VISTA E LUCE

Spesso mi capita di paragonare i nostri occhi a delle macchine fotografiche.

Infatti, così come in una macchina fotografica la luce passa attraverso l’otturatore e impressiona la pellicola fotosensibile, così nell’occhio umano la luce proveniente dall’ambiente circostante, penetra attraverso I’apertura variabile della pupilla e forma sulla retina un’immagine capovolta di ciò che ci sta davanti. E poi compito della complessa struttura nervosa che dal nervo ottico arriva al cervello effettuare, in modo del tutto indipendente dall’attività cosciente, il raddrizzamento di quell’immagine capovolta, e darci così la possibilità di interagire in modo naturale con gli oggetti del nostro ambiente.

 

Come funziona il processo d’azione tra la luce e la sensazione del colore

La luce colpisce un oggetto, una parte di questa viene assorbita e trasformata in calore, la parte che invece viene riflessa è percepita come  stimolo del colore dall’occhio di chi osserva. 

Il colore è una sensazione e viene percepita in maniera differente da persona a persona. Ad accentuare questa diversità di percezione dobbiamo anche considerare le sensazioni e le emozioni che modificano il nostro modo di vedere, dando vita alle illusioni ottiche.

Alcuni di questi fattori sono:

  • l’effetto di riflessione della luce su un oggetto.
  • il colore della luce che lo illumina.
  • gli effetti ottici che ne derivano.

Gli uomini possono percepire due tipi di colore:

  • il colore diretto:  quando un oggetto emette luce: può essere naturale, come il sole, o artificiale come le lampadine incandescenti.
  • il colore riflesso: quando un oggetto riflette la luce, come la luna per intenderci.

 

Adattamento

La nostra ricettività al colore è in costante mutazione, percepiamo e ci adattiamo alle variazioni di colore e di luce continuamente e in modi differenti a seconda delle condizioni ambientali:

  • Adattamento all’oscurità: avviene nel passaggio da una stanza illuminata a una scura, l’abbiamo provato tutte, inizialmente vedere chiaramente è difficile, poi gli occhi si adattano all’oscurità e riusciamo a riconoscere lo spazio intorno a noi. 
  • Adattamento alla luce: è I’opposto dell’adattamento all’oscurità, si verifica quando passiamo da un ambiente scuro a uno ben illuminato.
  • Adattamento cromatico: avviene, ad esempio, quando indossiamo occhiali con le lenti colorate.
  • Costanza di colore: una volta che I’occhio umano si è adattato a un colore di intensità specifica, variazioni minime di intensità non cambieranno la percezione della luminosità. Anche se cambia I’illuminazione, il colore sarà percepito in modo identico.

Luce

I raggi di luce sono radiazioni d’energia incolori. 

Il fisico inglese Isaac Newton dimostrò, nel 1672, che la luce, che vediamo bianca, in realtà composta dai sette colori dello spettro solare. Nel suo esperimento Newton fece passare un raggio di luce attraverso un prisma di cristallo. Il raggio si scompose così nei sette colori dello spettro solare, dimostrando che il bianco è la somma di quei colori.

Quando la luce bianca passa attraverso un prisma, la luce viene rifratta e suddivisa nei sette colori dell’arcobaleno. Quando questa luce colpisce un oggetto, parte di esso viene riflessa. È la luce riflessa quella che noi percepiamo come colore di un oggetto. La luce è energia elettromagnetica visibile solamente nel momento in cui si imbatte in un una qualsiasi materia.

È noto che la materia è composta da atomi. A seconda della sua struttura molecolare, la materia è in grado di assorbire una parte della luce che la colpisce. La parte di luce non assorbita viene riflessa e denominata quindi luce residua. Se questa luce colpisce l’occhio di colui che osserva, viene definita stimolo del colore. Anche lo stimolo del colore è una radiazione di energia incolore.

La luce è una radiazione di energia:

  • Le radiazioni di energia sono vibrazioni elettromagnetiche che si differenziano tra loro in base alla diversa lunghezza d’onda.
  • La lunghezza d’onda (frequenza) è la distanza tra due picchi d’onda.

Se la luce ha una frequenza bassa il nostro occhio la traduce in colore rosso, se ha un frequenza alta la traduce in colore blu, quindi al crescere della frequenza della luce (cioè al diminuire della lunghezza d’onda) il suo colore si sposta dal rosso verso il blu.

Il significato fisico di una delle proprietà delle onde della luce: al variare della frequenza cambia il colore della luce.

La luce è una forma di energia radiante, detto spettro elettromagnetico. Lo spettro elettromagnetico comprende I’intera gamma delle lunghezze d’onda esistenti in natura. All’interno dello spettro elettromagnetico, solo una piccolissima porzione appartiene al cosiddetto spettro visibile, cioè all’insieme delle lunghezze d’onda a cui I’occhio umano è sensibile e che sono alla base della percezione dei colori. Lo spettro visibile è quella parte dello spettro elettromagnetico che cade tra il rosso e il violetto includendo tutti i colori percepibili dall’occhio umano.

Le differenti lunghezze d’onda vengono interpretate dal cervello come colori, che vanno dal rosso delle lunghezze d’onda più ampie (minore frequenza), al violetto delle lunghezze d’onda più brevi (maggiore frequenza). Le frequenze comprese tra questi due estremi vengono percepite come arancio, giallo, verde, blu e indaco: ovvero quelli che solitamente vengono ricordati come “i colori dell’arcobaleno”.

Caso a sé fanno il bianco e il nero (detti colori neutri) che non vengono considerati propriamente “colori”. Il nostro occhio, infatti, percepisce come bianchi gli oggetti che riflettono tutte le onde luminose e come neri quelli che le assorbono tutte.

L’occhio umano è in grado distinguere tutta una serie di tinte intermedie tra queste sette, giungendo a discriminarne circa 250. Sebbene esista una stretta relazione fra tinta e lunghezze d’onda bisogna ricordare che: la tinta è una variabile psicologica mentre la lunghezza d’onda di un colore è una variabile fisica.

Le frequenze immediatamente al di fuori di questo spettro percettibile dall’occhio umano vengono chiamate: ultravioletto (UV), per le alte frequenze, e infrarosso (IR) per le basse. Anche se gli esseri umani non possono vedere I’infrarosso, esso viene percepito dai recettori della pelle come calore. La radiazione ultravioletta non viene percepita dagli esseri umani, se non in maniera molto indiretta, in quanto la sovraesposizione della pelle ai raggi UV causa scottature. Alcuni animali, come le api, riescono a vedere gli ultravioletti; altri invece riescono a vedere gli infrarossi.

LA TEORIA DEL COLORE

La parola Colore deriva dal latino: color, coloris. Si sviluppa dalla radice del verbo “celare” cioè nascondere.

Lo studio del colore interessa più discipline, tutte strettamente legate ad applicazioni concrete nella vita quotidiana di ognuno di noi, al rapporto tra le persone e alla comunicazione:

  • la fisica, ma specialmente I’ottica per tutto ciò che avviene all’esterno del sistema visivo.
  • la fisiologia, per quanto riguarda il funzionamento dell’occhio e la generazione, elaborazione, codifica e trasmissione dei segnali nervosi dalla retina al cervello.
  • la psicologia: riguarda l’interpretazione dei segnali nervosi e la percezione del colore.
  • la psicofisica che studia la relazione tra lo stimolo e la risposta del sistema visivo.
  • la colorimetria è una parte della psicofisica ed è la scienza della misurazione oggettiva del colore.

Il colore è la componente essenziale ed evocativa di qualsiasi cosa poiché esso risveglia le emozioni nell’osservatore influenzando il suo stato d’animo e le sue reazioni.

Per ottenere un buon equilibrio cromatico, occorre imparare a conoscere il disco cromatico che rappresenta, in un diagramma a ruota, la successione dei vari colori accostati I’uno all’altro. I colori si possono mescolare tra loro secondo infinite possibilità. Molti sono i sistemi e i modelli di colore, ma il cerchio cromatico di Itten è uno dei più conosciuti e versatili.

Nel 1961, il pittore e insegnante sulla teoria dei colori Johannes ltten pubblicò la sua “Teoria del colore”, in cui descrisse come armonizzare i colori, ponendo una particolare enfasi sulla tonalità.

Dai tre colori primari ciano, magenta e giallo, egli progettò una ruota di tonalità di 12 colori. Il suo diagramma è ancora utile per comprendere I’armonia dei colori.

Nel triangolo al centro si trovano i tre colori primari: Rosso – Giallo – Blu.

Su ogni lato del triangolo sono situati i tre colori secondari: Verde – Arancione – Viola, in corrispondenza dei due primari che lo compongono. Ogni colore primario del triangolo interno ha il suo colore complementare nel triangolo esterno e precisamente di fronte.

NOTA: II colore è una grandezza tridimensíonale e la sola ruota cromatica non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia, per spiegare i concetti di colori: primari, secondari, complementari è sufficiente I’uso della ruota di Itten.

 

I colori si possono classificare in Primari, Secondari, Terziari e Complementari.

 

PRIMARI

Sono i tre colori di base dai quali si ottengono tutti gli altri; questi tre colori sono detti “primari” perché non si possono ottenere con nessuna mescolanza e miscelati generano la maggior parte dei colori che I’occhio umano riesce a percepire.

I colori primari sono: ROSSO’ BLU, GIALLO

SECONDARI

I colori secondari sono: ARANCIO, VERDE, VIOLA e si ottengono mescolando due primari in parti uguali.

TERZIARI

Mischiando due primari in quantità diverse, si ottiene un colore terziario: Giallo/arancione – rosso/arancione- rosso/viola – giallo/verde – blu/verde – blu/viola.

COMPLEMENTARI

Ogni coppia di complementari è formata da un primario e dal secondario ottenuto dalla mescolanza degli altri due primari. Per sapere qual è il complementare del colore primario giallo, è necessario mischiare gli altri due primari, il rosso e il blu: ottenete il viola che risulta essere il complementare del giallo.

  • rosso è complementare del verde (giallo + blu)
  • blu è complementare dell’arancio (rosso + giallo)
  • giallo è complementare del viola ( blu + rosso)

I colori si dicono complementari perché hanno la caratteristica di esaltare e rafforzare a vicenda la propria luminosità e quindi ogni tinta trova il suo complementare nel colore opposto presente sul cerchio cromatico. Il complementare del giallo è il viola, che è la somma di magenta e ciano.

ultra violet

Per trovare il colore complementare di una tinta, basta congiungerla con il colore opposto. I complementari dei colori puri formano coppie cromatiche con caratteristiche molto marcate. Si definiscono complementari due colori che mescolati tra di loro generano il grigio puro.

Se si pone un colore luminoso al centro del suo complementare meno luminoso, I’effetto di contrasto e di complementarità è particolarmente evidente. Il concetto di colore complementare è fondamentale in pittura e senza la sua conoscenza è impensabile riuscire a colorare, ad esempio, le ombre degli oggetti.

Nella percezione visiva i colori complementari vengono vissuti come in netto contrasto (si parla di “contrasto” quando si avvertono differenze evidenti tra due effetti cromatici posti a confronto). Ma, per quanto contrastanti, I’uno risalta particolarmente vicino all’altro ed entrambi acquistano in luminosità (es. viola e giallo). L’impiego dei colori complementari comporta sempre che uno dei due sia “preminente” (caldo) e I’altro sia “recedente” (freddo).

 

NON COLORI

Come abbiamo detto sopra il bianco e il nero sono considerati “non colori” :

  • il bianco è I’insieme di tutti i colori
  • il nero è I’assenza di colore

Il bianco e il nero mescolati tra loro danno una vasta gamma dei grigi. Il bianco è ampiamente rappresentato per ottenere un contrasto di chiaro e scuro, nonché per attenuare quegli accostamenti cromatici troppo forti e stridenti fra loro.

Il bianco e il nero mescolati con altri colori ne variano la gamma cromatica schiarendoli e dando quindi luminosità (nel caso del bianco) o scurendoli e quindi spegnendoli (nel caso del nero).

 

DIMENSIONI DEL COLORE

 

TEMPERATURA

I colori hanno una “temperatura” e si suddividono in caldi, freddi e neutri in base alle diverse sensazioni che trasmettono, alle immagini e alle situazioni che richiamano alla mente:

  • Sono caldi i colori che tendono all’arancio e al rosso
  • Freddi i colori che tendono al blu e al viola
  • Neutri i colori che tendono al nero, grigio e bianco

La temperatura del colore è importantissima quandoandiamo a lavorare con l’armocromia e i nostri abiti!

 

SATURAZIONE

La saturazione si riferisce alla vividezza del colore e viene misurata nei termini della differenza di un colore rispetto a un grigio senza colore (neutrale) con lo stesso livello di luminosità.

Tanto più bassa è la saturazione, tanto più grigio è il colore. Quando la saturazione è zero, il colore è grigio. E’ una misura della concentrazione di colore puro ed è inversamente proporzionale alla quantità di luce bianca mista al colore. Un colore sarà saturo quando non contiene bianco.

 

LUMINOSITÀ

Bisogna distinguere fra i termini brillantezza (brightness) e luminosità (lightness):

  • Con brillantezza si intende un attributo dell’illuminazione in cui viene visto un oggetto. Di solito cresce al crescere dell’intensità dell’illuminazione. I termini comuni con cui si esprime la sensazione di brillantezza sono “offuscato” e “splendente”.
  • Con il termine luminosità invece si intende la percezione della luminosità di un colore in relazione alla luminosità di un altro oggetto o dell’ambiente. La luminosità si riferisce alla quantità di chiaro o scuro del colore. Tanto più alta è la luminosità, tanto più chiaro è il colore.

Possiamo quindi dire che:

  • La BRILLANTEZZA dipende dalla quantità di luce che illumina l’oggetto
  • La LUMINOSITÀ è un attributo dell’oggetto stesso
 
 

LA TEORIA DELLE 4 STAGIONI

Il linguaggio dei colori è universalmente valido e riconosciuto e produce i suoi effetti anche quando non ne siamo consapevoli: i colori possono dare maggiore visibilità alla personalità, consentendo di orientare la comunicazione in modo positivo.

Creare equilibrio tra i colori degli abiti che indossiamo, la nostra identità e ciò che desideriamo comunicare è fondamentale se desideriamo esprimere noi stessi in modo consapevole e positivo.

Conoscere i proprio colori “amici” rappresenta il primo passo per coordinare l’aspetto esteriore con quello interiore e realizzare un’immagine armonica.

Grazie alle sfumatura della pelle possiamo individuarne il nostro sotto-tono in quanto è determinato dal colore del sangue che è unico in ciascun individuo. 

Il colore della pelle è dovuto alla presenza di vari pigmenti:

  • I carotenoidi producono toni dorati (toni caldi).
  • L’emoglobina dona alla pelle una tonalità variabile dal rosa al rosso al viola.
  • La melanina, stimolata dai raggi ultravioletti, è responsabile dell’abbronzatura.

La diversa concentrazione dei pigmenti sulla pelle di un individuo influenzano le tre dimensioni del colore:

  • Temperatura (Calda o fredda)
  • Luminosità (Scura o chiara)
  • Saturazione (Concentrata o minima)

Normalmente non ci troviamo mai ad avere un colore isolato: lo stesso colore ci influenza in modo diverso a seconda dei toni a cui viene accostato.

Quando accostiamo tra loro due colori parliamo di contrasto: mettiamo in evidenza più un colore a discapito dell’altro.  L’analisi del colore è determinata dagli effetti del contrasto dei colori sul nostro viso.

Nel 1980 viene pubblicato il primo libro di analisi del colore: “Color Me Beautiful”. In questo testo Jackson introduce nel mondo dell’abbigliamento la Teoria delle stagioni già usata da decenni dagli artisti. 

Questa teoria permette di classificare i colori di un individuo facendo riferimento ai colori predominanti in natura nelle 4 diverse stagioni dell’anno: Primavera, Estate, Autunno e Inverno. Vedremo più avanti molto nel dettagli le caratteristiche di ognuna delle quattro stagioni.

Come puoi immaginare il sistema di classificazione in sole 4 stagioni è risultato riduttivo, per questo motivo oggi si usa un sistema che tiene conto, all’interno delle 4 macro-aree che conosciamo, altre caratteristiche:

  • TEMPERATURA (freddo o caldo)
  • TONO (chiaro, scuro o medio)
  • INTENSITÀ/BRILLANTEZZA (attenuata o forte)
  • CONTRASTO tra pelle, occhi e capelli

Alcune considerazioni e poi partiamo con la parte più divertente:

  • Il tuoi colori cambiano col passare del tempo, i toni dei tuoi capelli e della tua pelle diventeranno più tenui.
  • Se al termine di questo manuale ti accorgerai che i tuoi colori “amici” non sono presenti nel tuo guardaroba inizia col comprare abiti e accessori che indossi vicino al viso come foulard, dolcevita o cravatte.
  • In caso di tessuti stampati con più colori, osservare la stampa da qualche metro di distanza e individuare il colore o i colori dominanti, saranno quelli da prendere in considerazione nella scelta del capo/accessorio.
  • I colori neutri dovrebbero essere la base del tuo guardaroba.
  • Optare per guardaroba in cui compaiono capi spalla, giacche, gonne e pantaloni di alta qualità e nei colori neutri, ti parlo meglio di questo qui!
  • Il colore bianco: sono poche le persone a cui sta bene il bianco ottico. Prediligi il bianco/crema o quello perlato/grigio.
  • Il colore degli occhi è quello che influenza maggiormente le scelte cromatiche di un guardaroba. Indossare lo stesso colore degli occhi vicino al viso e attirerai l’attenzione sullo sguardo.
  • Il colore rosso: a differenza di quello che spesso si crede il colore rosso può essere sia caldo che freddo.

 
IDENTIFICA LE TUE COMPLEMENTARI CROMATICHE

In analisi del colore il sottotono del nostro incarnato può essere caldo o freddo. Se hai un sottotono di pelle caldo i tuoi colori “amici” saranno caldi, se hai un sottotono freddo ti doneranno i colori freddi. Questa è una distinzione di massima, ma è un buon punto di partenza per iniziare ad usare i colori in modo più consapevole. Quindi se desideri indossare un colore non in linea con la tua temperatura dosali con cura e attenzione e evita il più possibile di avvicinarli al tuo viso!

Adesso che conosci la temperatura del tuo sottotono di pelle passiamo all’identificazione del tuo complesso cromatico che può essere chiaro (Naomi Watts), medio (Natalie Portman) o scuro (Maria Grazia Cucinotta). A quale di questi 3 appartieni?

Infine osserva se il contrasto tra la tua pelle, i tuoi occhi e i tuoi capelli è basso (Reese Whiterspoon) o alto (Anne Hathaway). Conoscere il grado di contrasto ti servirà quando vorrai creare abbinamenti di colore nel tuo outfit, ti basterà infatti riprodurre lo stesso contrasto che c’è naturalmente tra il tuo viso, occhi e capelli!

Nel materiale che segue andremo ad analizzare nel dettaglio tutte e 12 le possibili combinazioni che abbiamo visto fino a qui! 

PRIMAVERA

La primavera ci riporta a un senso di rinascita, del sole che scalda le nostre mattinate e della natura che torna a fiorire. 

I colori di questa stagione sono tenui, brillanti e caldi.

Le principali caratteristiche di questa tipologia cromatica sono:

  • Sottotono: Caldo
  • Toni: Chiari 
  • Pelle: chiara, avorio, pesca e con predisposizione alle lentiggini.
  • Occhi: azzurri, nocciola, verdi e con pagliuzze dorate.
  • Capelli: dal biondo grano al rame, dal rosso deciso fino al castano. Non sono mai cenere.

La primavera ha una colorazione calda e chiara. Il suo aspetto è fresco e, a differenza dell'autunno anch'esso caldo, la primavera è più luminosa. La stagione Primavera è suddivisa in tre sotto-stagioni: Bright Spring, True Spring e Light Spring.

Bright
Spring

Questa sotto-stagione segna il passaggio dall’inverno alla primavera, ne sono evidenze i colori neutri della pelle, dei capelli e degli occhi. La caratteristica più importante sono i colori chiari e luminosi: il viso ha un aspetto fresco che sembra brillare.

Per riflettere questa colorazione naturalmente brillante, devi scegliere i colori più luminosi e intensi della tua palette personale.

true
spring

È la più calda della stagione Primavera e quindi pelle, capelli e occhi hanno una colorazione molto calda e solare. Non c’è traccia di toni freddi nell’aspetto di una True Spring. Come le altre sotto-stagioni Primavera, sono caratterizzate da un bagliore e un aspetto fresco.

Questa sotto-stagione non tollera i toni freddi e tenui degli abiti, quindi se sei una True Spring, indossa colori caldi e abbastanza saturi.

LIGHT
SPRING

Questa sotto-stagione sfocia è la più vicina all’Estate: la pelle, i capelli e gli occhi sono caldi e ma più leggeri rispetto alle altre sotto-stagioni Primavera.

Il livello naturalmente basso di contrasto delle Light Spring si riflette nella sua palette di colori: mai troppo brillanti per non sopraffare la dolcezza dei tuoi toni naturali.

Bright Spring è una delle tre stagioni Primavera e si colloca tra Bright Winter e True Spring nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Bright Winter, questa sotto-stagione è calda. Tuttavia, entrambe le sotto-stagioni condividono alcuni colori: sono entrambe una miscela di Inverno e Primavera, con Bright Winter che tende maggiormente verso la palette Winter e Bright Spring che tende maggiormente verso la palette Spring.

Sei una Bright Spring se le tue caratteristiche dominanti sono: chiara e calda, che, come abbiamo già visto, significa che i colori caldi ti stanno meglio di quelli più freddi.
Bright Spring ha uno dei più alti contrasti tra pelle, capelli e occhi tra tutte le 4 stagioni. C’è anche un elevato contrasto tra l’iride e la sclera, il bianco dell’occhio.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua colorazione è che c’è un contrasto molto elevato tra pelle, occhi e capelli. Questo ti dà un aspetto molto nitido e delineato. I tuoi occhi saranno probabilmente brillanti e sono la prima cosa che la gente nota.

 

OCCHI

Una delle caratteristiche più distintive della sotto-stagione Bright Spring sono gli occhi: grazie all’alto contrasto di pelle e capelli, sono in genere sorprendentememte luminosi e intensi.

Possono essere blu, verdi, topazio o persino marroni purché brillantoi. Hanno sfumature calde e potresti anche notare delle pagliuzze dorate nell’iride.

La maggior parte delle donne di colore che rientrano in questa sub-stagione hanno gli occhi più chiari rispetto alla loro carnagione, come il marrone chiaro e il nocciola.

 

 

PELLE

La pelle ha sfumature neutre e calde, il che significa che può indossare sia l’oro che l’argento, ma sicuramente, l’oro le dona di più. Si va dalla porcellana al nero/marrone, e anche le donne di colore che appartengono a questa sotto-stagione hanno una pelle chiara e luminosa per la loro etnia. La pelle Bright Spring si abbronza facilmente.

 

 

CAPELLI

Come la pelle, anche i capelli sono generalmente caldi e tendono ad avere riflessi quando sono al sole. Sono bionde, bionde dorate anche sullo scuro fino a colorazioni come il ramato e il marrone-nero con sfumature rosse.

 

 

STYLING

La Bright Spring è la stagione delle vacanze estive vivaci, scintillanti ed esotiche. Dalle acque tropicali alle isole da sogno, questi sono i colori più vivaci delle dodici sotto-stagioni.
In termini di colori fanno parte del pantone Bright Spring i colori saturi e vibranti come quelli qui a sinistra.

Questa sotto-stagione oltre alla tipica freschezza calda che è caratteristica di tutte le Primavera, ha anche un po’ del netto contrasto tipico dell’Inverno.

Fedele alla caratteristica dominante di questa sotto-stagione, i colori Bright Spring sono chiari, luminosi e saturi con un alto livello di contrasto. La sua palette include colori con alta saturazione, contrasto elevato e temperatura calda. 

 

La True Spring è calda e chiara. La sua tavolozza di colori ricorda una serie di matite colorate: pura, calda e piuttosto ricca di saturazione.

La True Spring è l’originale stagione Primavera nell’analisi del colore delle 4 stagioni e si colloca tra Bright Spring e Light Spring nel diagramma di flusso stagionale.

La sua stagione opposta è True Autumn, e in contrasto con quest’ultima, l’aspetto di True Spring è luminoso e chiaro rispetto all’altro morbido e tenue.

Sei una True Spring se la caratteristica dominante del tuo aspetto è calda e la caratteristica secondaria è chiara (o luminosa).

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua colorazione è il calore: le tonalità dorate e miele sono dominanti.

La True Spring è una stagione di medio contrasto tra pelle, capelli e occhi. Nelle immagini seguenti, puoi vedere come le caratteristiche si contrastano, ma non ci sono aree veramente scure.

 

OCCHI

Gli occhi True Spring sono di media luminosità e caldi. Si va dal blu caldo al verde caldo e dal topazio brillante al colore nocciola chiaro. E, seppur in contrasto con la pelle e i capelli, non sono eccessivamente luminosi e saturi come gli occhi di Bright Spring. Potresti anche notare un motivo a raggi di sole attorno alla pupilla, tipico degli occhi di primavera.

 

PELLE

Come gli occhi, la pelle True Spring ha chiare sfumature calde e dorate. Ciò significa che mentre l’oro sarà molto lusinghiero, l’argento non le donerà per nulla. La pelle può essere di porcellana, miele o persino sabbia dorata. Molte True Spring hanno anche lentiggini e la pelle può abbronzarsi se esposta alla luce solare.

 

CAPELLI

Come la pelle, i capelli sono generalmente caldi e tendono ad avere riflessi quando esposti al sole. Abbiamo bionde, bionde dorato, bionde dorato scuro, ma anche capelli ramati e marrone-neri con sfumature rosse.

 

STYLING

La True Spring è la stagione del sole, delle isole tropicali con acqua turchese, sabbia gialla, foglie verdi e frutti esotici.

In termini di colori, le immagini qui a sinistra sono rappresentative dei colori saturi e freschi che fanno parte della loro palette.

True Spring è la stagione Primavera per eccellenza, i suoi colori sono luminosi, caldi e hanno un sottotono giallo chiaro perfetto per la pelle calda.

La stagione tende alla ai colori più caldi e più dorati e contiene verdi caldi, gialli, rossi aranciati, rosa pesca e ogni sfumatura di marrone chiaro dal beige al marrone chiaro.

Sebbene la Primavera sia in generale una stagione di colori più chiari, i colori della True Spring sono in realtà più profondi e sono più saturi di quanto ci si potrebbe aspettare.

Light Spring unisce leggerezza e calore. La prima cosa che noti di una Light Spring è la luce che sprigiona.

Light Spring è una delle tre stagioni primaverili e si colloca tra True Spring e Light Summer nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Light Summer, questa sotto-stagione è calda. Tuttavia, entrambe le sotto-stagioni condividono alcuni colori in quanto palette più tenue. Sono entrambi una miscela di primavera ed estate, con Light Summer che tende maggiormente verso la palette Summer e Light Spring che tende maggiormente verso la palette Spring.

Sei una Light Spring se la caratteristica dominante del tuo aspetto è la luminosità e la caratteristica secondaria è la temperatura calda, il che significa che i colori caldi si adattano meglio di quelli più freddi.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pingmentazione è che c’è molto poco contrasto tra la tua pelle chiara, occhi e capelli. Tutte le tue caratteristiche sono molto chiare e non vi è alcun contrasto.

Light Spring è una sotto-stagione di bassissimo contrasto tra pelle, capelli e occhi. C’è anche un basso contrasto tra l’iride e il bianco dell’occhio. Nelle immagini sottostanti, puoi vedere quanta poca differenza di tonalità c’è tra pelle, occhi e capelli, non ci sono aree scure da nessuna parte.

Inoltre, la pelle, gli occhi e i capelli hanno tonalità principalmente calde, dorate o color pesca.

 

OCCHI

Gli occhi di Light Spring sono, ovviamente, chiari. Vanno dagli azzurri, ai verdi, ai nocciola e persino a un marrone molto chiaro. Come tutti gli occhi delle Primavera, sono luminosi e hanno sfumature calde. Potresti anche notare il tipico motivo a raggi di sole sull’iride.

 

PELLE

La pelle Light Spring è chiara: porcellana con sfumature dorate o pesca. Molte Light Spring hann le lentiggini e la pelle si abbronza facilemnte. Ha sfumature neutre e calde, il che significa che sia l’oro che l’argento le stanno bene, ma l’oro di più!

CAPELLI

I capelli di questa sotto-stagione sono generalmente soft. Vanno dal biondo chiaro al biondo dorato medio, dal rosso chiaro al marrone dorato chiaro. I capelli hanno poi sfumature o riflessi caldi, dorati. La maggior parte delle Light Springs erano anche bionde da bambini.

 

STYLING

La Light Spring è la stagione della nuova vita. Sono i giorni in cui il sole caldo fa germogliare i primi fiori primaverili e la terra si risveglia dal gelo dell’inverno.

In termini di colori, le immagini a sinistra sono rappresentative dei colori pastello chiari che fanno parte della palette dei colori Light Spring:

La palette Light Spring unisce leggerezza, calore e morbidezza. Mentre questa sotto-stagione ha la tipica freschezza calda che è caratteristica per tutti i tipi di Primavera, ha anche un po’ della morbidezza dell’estate.

Fedele alla caratteristica dominante di questa sotto-stagione, i suoi colori sono delicati e leggeri. La palette dei colori include toni dalla saturazione media o bassa, poco contrasto e colori caldi.

Il bianco dona chiarezza a tutto l’autfit, i colori non sono quasi mai scuri e pesanti, infatti, il più scuro dei marroni primaverili può spesso essere troppo cupo per una Light Spring.

ESTATE

In estate i colori caldi della primavera “maturano” dando vita a colori più freddi.

L’atmosfera stessa sembra “più blu”, dal momento che i raggi del sole arrivano orizzontali rispetto all’asse della terra.

Le principali caratteristiche di questa tipologia cromatica sono:

  • Sottotono: Freddo
  • Toni: Chiari
  • Pelle: chiara/media con sottotono rosato e con arrossamenti.
  • Occhi: azzurri, verde acqua, grigi, verdi. La sclera è molto bianca.
  • Capelli: dal biondo chiaro al castano medio, con riflessi cenere.

L'estate ha una colorazione chiara di pelle, capelli e occhi. Il suo aspetto è morbido e delicato. Tuttavia, alcune estati non sono sempre facili da identificare. La caratteristica principale dell' Estate è una palette di colori fredda e chiara. L' Estate si suddivide in tre sotto-stagioni: Light Summer, True Summer e Soft Summer.

Light
SUMMER

Light Summer sprigiona di luce e freschezza. Questa sotto-stagione incarna il passaggio dalla primavera all’estate donando alla pelle, ai capelli e agli occhi una pigmentazione neutra e fresca. La più chiara della famiglia Summer, è caratterizzata da un basso livello di contrasto.

Per ricreare la colorazione naturale soft e leggera, nella palette dei colori Light Summer prevalgono tonalità chiare e fredde.

true
Summer

True Summer è una sotto-stagione completamente fredda con un livello medio di contrasto tra pelle, occhi e capelli. 

Per rispecchiare al massimo la colorazione naturale delle caratteristiche del viso di questa sotto-stagione la palette dei colori True Summer contiene solo nuance fredde e poco sature.

SOFT
SUMMER

Soft Summer è sempre fredda ma più dolce. Questa sotto-stagione precede l’autunno, per questo ha pelle, capelli e occhi leggermente più satura. Questa sotto-stagione ha un livello di contrasto basso rispetto alle altre Estati.

La palette di colori Soft Summer è estremamente chiara e soft per non sopraffare la sua delicata colorazione naturale.

La stagione estate è generalmente caratterizzata da una mancanza di calore. E Light Summer è la sotto-stagione più chiara.

Light Summer è una delle tre stagioni estive e si colloca tra Light Spring e True Summer nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Light Spring, questa sotto-stagione è fredda. Tuttavia, entrambe le sotto-stagioni condividono alcuni colori: sono entrambe una miscela di Primavera ed Estate, con Light Spring che tende maggiormente verso la palette Sprin, quindi calda e Light Summer che si inclina maggiormente verso la palette Summer, quindi fredda.

Sei una Light Summer se la tua caratteristica dominante è l’essere molto chiara e fredda, il che significa che i colori freddi ti stanno benissimo, a differenza di quelli più caldi.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti è il basso contrasto tra pelle, occhi e capelli. Tutto il tuo viso è molto chiaro.

Light Summer è una sotto-stagione di bassissimo contrasto tra pelle, capelli e occhi. C’è anche un basso contrasto tra l’iride e la sclera dell’occhio. Nelle immagini sottostanti, puoi notare il basso contrasto tra pelle, occhi e capelli.

Inoltre, le tue caratteristiche del viso, oltre a essere molto chiare, hanno principalmente sfumature fredde – blu e grigie.

 

OCCHI

Gli occhi Light Summer possono essere di colore grigio chiaro, blu chiaro, azzurro chiaro o verde chiaro. Non ci sono tonalità scure e generalmente hanno un sottotono freddo e grigiastro. Tipico dell’occhio estivo, potresti notare un motivo a crepitio in vetro e una leggera separazione tra l’iride e il bianco dell’occhio.

PELLE

La pelle Light Summer è di un beige neutro-freddo con sfumature rosate. È generalmente leggero e tende a scottarsi facilmente al sole. Sai di avere una pelle neutra se sia l’oro che l’argento ti stanno bene, ma l’argento ti dona di più.

CAPELLI

Come il resto delle caratteristiche della Light Summer, i capelli di questa sub-stagione sono chiari. Possono variare dal biondo chiaro al biondo cenere medio o al marrone chiaro cenere. Molte Light Summer erano bionde da bambine, ma i loro capelli si sono scuriti con l’età.

 

STYLING

Light Summer è la stagione delle miti mattinate estive piene di freschezza e dolcezza. I raggi del sole accarezzano le gocce di rugiada sul fogliame e sui fiori. Il cielo ha toni tenui con nuvole passeggere e soffici.

I colori rappresentativi di questa sotto-stagione sono pastello sia chiari che scuri come puoi vedere dall’immagine qui a sinistra:

Fedele alla caratteristica dominante di questa sotto-stagione, i colori Light Summer sono luminosi e con un basso livello di contrasto. La palette include colori medio saturi (non troppo brillanti), chiari e freddi, inclusi rosa scuri e morbidi blu-verdi. Non ci sono forti contrasti, solo sfumature.

L’Estate è, nel complesso, una palette più chiara di quella Inverno o Autunno, solo la Primavera può essere paragonata a livello di luminosità.

La palette di questa sotto-stagione, oltre alla tipica temperatura fredda dell’Estate, ha anche un po’ del caldo della vicina stagione Spring

Il più freddo della famiglia Summer, nei colori della True Summer regnano toni morbidi e delicati. Questa stagione ha, tuttavia, più contrasto rispetto agli altri due tipi estivi.

True Summer è la stagione estiva originale nell’analisi del colore delle 4 stagioni e si colloca tra Light Summer e Soft Summer nel diagramma di flusso stagionale.

La sua stagione opposta è True Winter. Entrambe sono stagioni fredde, ma mentre True Winter è scura e contrastante, True Summer è chiara e tenue e non le donano i colori scruri e intensi.

Sei una True Summer se la caratteristica dominante del tuo aspetto è fredda, il che significa che i colori freddi ti donano meglio di quelli più caldi.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pigmentazione è la sua evidente temperatura fredda. Pelle, occhi e capelli hanno tutti sfumature fredde, blu e rosa.

Rispetto alle altre due sotto-stagioni estive, tuttavia, questa ha il maggior contrasto. Nel complesso, il livello di contrasto tra pelle, occhi e capelli è medio.

Nelle immagini qui sotto puoi vedere come i capelli siano più scuri rispetto alla pelle ma il contrasto non è comunque eccessivamente forte.

Sei una True Summer se la caratteristica dominante del tuo aspetto è la temperatura fredda, questo fa si che siano i colori freddi quelli che si adattano meglio alla tue caratteristica naturali.

 

OCCHI

Gli occhi True Summer sono generalmente blu, grigio, verde, nocciola o grigio chiaro. Indipendentemente dal colore, tendono sempre leggermente al grigio, questo li rende tenui. Tipico dell’occhio Estate, potresti notare un motivo a crepitio sull’iride.

 

PELLE

La pelle True Summer è sempre chiara, spesso una sfumatura rosa. Si va dall’alabastro chiaro al beige, ma soprattutto è molto delicata e in genere non si abbronza. Tuttavia, può arrossire facilmente. Dal momento che è fredda l’argento le dona moltissimo mentre l’oro risulterà completamente disarmonico.

CAPELLI

I capelli possono essere biondo cenere scuro, marrone cenere medio-scuro o grigio scuro. Non vi sono toni caldi nei capelli, vale a dire pochissimo o nessun sottotono rosso o nessun bagliore dorato.

 

STYLING

La True Summer è la stagione dei giorni estivi dopo la pioggia, quando le ultime nuvole grigie si disperdono e la foschia rifrange tutti i colori della natura in uno straordinario caleidoscopio di contrasti.

Questi colori sono freddi, calmanti e rinfrescanti, come la sensazione di acqua sulla pelle. Sono i colori dell’acqua: i blu e i verdi dei laghi, fiumi e oceani profondi.

L’immagine qui a sinistra indica i colori di questa stagione: delicati e freddi. La palette ha la tipica morbidezza estiva (a differenza dei colori True Winter, che sono più saturi e più profondi). Per rispettare il livello di contrasto medio che si ha naturalmente, i colori rientrano in una fascia media tendente al chiaro.

I colori che donano di più a True Summer sono i blu e rosa freddi, i marroni freddi – come il cacao o il taupe, o il blu scuro perfetto come colore neutro all’interno del proprio guardaroba.

Soft Summer è la più calda della famiglia Summer, in quanto confina con la stagione Autunno. La sua palette di colori contiene colori tenui che indossate da altre stragioni sembrerebbero sbiadite ma che in questo caso donano moltissimo.

Soft Summer è una delle tre sotto-stagioni estive e si colloca tra True Summer e Soft Autumn nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Soft Autumn, questa sotto-stagione èfredda. Tuttavia, entrambe le sotto-stagioni condividono alcuni colori: sono entrambe una miscela di autunno ed estate. E mentre Soft Autumn tende verso la palette Autunno, Soft Summer tende di più verso la palette Estate.

A seconda della combinazione capelli/pelle, c’è un contrasto medio o basso all’interno di Soft Summer. Nelle immagini qui sotto, puoi vedere come i capelli sono più scuri rispetto alla pelle ma il contrasto rimane comunque piuttosto debole. 

Sei una Soft Summer se la caratteristica dominante del tuo aspetto sono colori tenui oltre che freddi.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pigmentazione è che pelle, occhi e capelli si fondono tutti insieme. Ti donano un aspetto omogeneo. Invece di distinguersi chiaramente, le tue caratteristiche appaiono in qualche modo “sfumate” o attenuate.

Il contrasto tra pelle, occhi e capelli può essere medio-basso. Ma l’importante è che i tuoi colori naturali si fondano insieme anziché essere in contrasto.

 

Occhi

Gli occhi Soft Summer possono essere grigi, blu, verdi o nocciola/verde. Indipendentemente dal colore, sono sempre leggermente grigi e quindi sembrano piuttosto tenui. Sebbene siano più chiari e meno caldi degli occhi di Soft Autumn, non sono luminosi come una Primavera. Tipico dell’occhio estivo la possibile presenza di un motivo a crepitio sull’iride

Pelle

La pelle è neutra-fredda con sfumature cenere e spesso sfumature rosa. Ciò significa che sia l’argento che l’oro tistanno bene, ma l’argento è lascelta migliore. La pelle può essere beige naturale o avorio, o anche più scura purché sia ​​fredda e in basso contrasto con i capelli. Le Soft Summer possono anche avere lentiggini e non abbronzarsi facilmente.

Capelli

I capelli in questa sotto-stagione possono essere piuttosto scuri per essere un Estate: vanno dal biondo cenere scuro al marrone chiaro chiaro. Se esposti al sole, possono sviluppare riflessi biondo cenere.

 

STYLING

Soft Summer è la stagione delle giornate nebbiose con percorsi nebulosi su paesaggi nebbiosi. I colori sono delicati e misteriosi. Contengono così tanti toni freddi e caldi che la loro collisione dà origine a un’immagine sorprendentemente armoniosa. E come un camaleonte, questa sotto-stagione può mostrare una parte o l’altra.

I colori di questa sotto-stagione sono tenui e delicati per adattarsi al livello di contrasto medio/basso naturale. La palette dei colori include bassa saturazione, basso contrasto e colori freddi. Alcuni di questi sono colori tenui, a base grigia e blu, come il rosa scuro e lavanda e persino blu chiaro.

La palette di colori Soft Summer contiene molti toni di grigio e verde oliva.

Soft Summer è al confine tra estate e autunno. L’estate è tenue, fredda e chiara, anche l’autunno è tenue, quindi l’aggiunta dell’autunno all’estate rende la tavolozza Soft Summer ancora più sbiadita. Ma l’autunno porta anche calore, che aggiunge un elemento brunastro ai colori.

AUTUNNO

L’autunno  ci dona colori profondi e scuri in cui il paesaggio trasforma i propri colori da blu a oro. È dominata da colori caldi che vengono attenuati da una minor luminosità.

Le principali caratteristiche di questa tipologia cromatica sono:

  • Sottotono: Caldo
  • Toni: Scuri
  • Pelle: chiara e lentigginosa/ scura dorata/ambrata.
  • Occhi: castano scuro, nocciola, verde e topazio.
  • Capelli: castano scuro, castano con riflessi dorati e mogano.

L'autunno ha una colorazione tenue, calda e scura sia di pelle, che capelli che occhi. Il suo aspetto è ricco. La palette dei colori autunnali è sempre calda, ma con vari gradi di luminosità e profondità a seconda della sotto-stagione. La stagione autunnale è divisa in tre sotto-stagioni: Soft Autumn, True Autumn e Dark Autumn.

SOFT
AUTUMN

Soft Autumn è la combinazione di colori tenui e caldi. Questa sotto-stagione rappresenta il passaggio dall’estate all’autunno rendendo la pelle, i capelli e gli occhi neutrali. Questa sotto-stagione è la più tenue della famiglia Autunno, ma a differenza di Soft Summer, è la più calda.

La palette dei colori Soft Autumn è estremamente tenue per non sopraffare la sua delicata colorazione

true
Autumn

True Autumn è la più ricca e calda delle sotto-stagioni della famiglia Autunno, non vi sono nuance fredde nella pelle, nei capelli e negli occhi. Come le altre stagioni autunnali, i colori sono tenui a differenza dei colori della Primavera.

Le tonalità calde e terrose regnano nella palette dei colori True Autumn che si attenuano per fondersi piacevolmente con il suo naturale aspetto morbido.

DARK
AUTUMN

Dark Autumn è la combinazione di colori scuri e caldo. Questa sotto-stagione precede l’Inverno colorando pelle, capelli e occhi di toni neutri-caldi. Un altro effetto dell’Inverno è un maggiore contrasto tra pelle, occhi e capelli rispetto alle altre sotto-stagioni Autunno.

Le tonalità calde caratteristiche del True Autumn diventano più profonde e scure nella palette di questa sotto-stagione.

Soft Autumn è la più tenue della famiglia Autunno perché influenzato dalla stagione Estate.

Soft Autumn è una delle tre stagioni Autunno e si colloca tra Soft Summer e True Autumn nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Soft Summer, questa sotto-stagione è calda. Tuttavia, entrambe le sotto-stagioni condividono alcuni colori.

A seconda della combinazione capelli/pelle, ha un contrasto che va dal basso al medio. Nelle immagini sottostanti, puoi vedere come i capelli e gli occhi sono più scuri rispetto alla pelle, ma il contrasto rimane comunque basso.

Sei una Soft Autumn se la tua caratteristica dominante è un tono tenue e caldo, il che significa che gli abiti dalle nuance calde ti donano di più di quelli freddi.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pigmentazione è che pelle, occhi e capelli si fondono tra loro donandoti un aspetto “sfumato”.

 

OCCHI

Gli occhi delle Soft Autumn possono essere verdi, nocciola chiaro o marrone chiaro. Tendono ad avere un po’ di grigio, il che conferisce loro un aspetto tenue. Gli occhi blu che appartengono a questa sotto-stagione tendono ad essere caldi.

PELLE

La pelle è neutro-calda, il che significa che, seppur l’argento dona a questa sotto-stagione, sono da preferire gli accessori dorati. Può avere una pigmentazione beige o dorata chiara. C’è poco contrasto con gli occhi e i capelli. La pelle Soft Autumn si abbronza facilmente.

CAPELLI

I capelli delle Soft Autumn vanno dal biondo dorato al marrone dorato. Quando prendono il sole possono sviluppare riflessi dorati.

 

 

STYLING

Soft Autumn è la stagione dei giorni nebbiosi e dei paesaggi autunnali delicati e terrosi con sfumature intricate.

In termini di colori, le immagini qui accanto sono rappresentative dei colori delicati e caldi che fanno parte della sua palette.

Il guardaroba è fedele alla caratteristica dominante della Soft Autumn: i suoi colori sono tenui e poco saturi per armonizzarsi con le tonalità delicate di questa sotto-stagione. Tuttavia, l’effetto complessivo della palette è ricco e morbido. I colori che stanno meglio a per una Soft Autumn sono delicati e né troppo freddi né troppo caldi come il kaki, il crema o il rosa pesca.

True Autumn è la stagione con i “tipici” colori autunnali: quelli delle foglie che cadono o dei campi di grano prima del raccolto.

Questa palette di colori ricorda una passeggiata attraverso una foresta d’autunno – ricca, calda e in qualche modo avvolta da un’atmosfera terrosa.

La True Autumn è la stagione Autunnio nell’analisi del colore delle 4 stagioni e si colloca tra Soft Autumn e Dark Autumn nel diagramma di flusso stagionale. 

True Autumn ha un contrasto tra pelle, capelli e occhi medio. Nelle immagini sottostanti, puoi vedere come i capelli e gli occhi sono più scuri rispetto alla pelle, ma il contrasto non è comunque molto forte. 

Sei una True Autumn se la caratteristica dominante del tuo aspetto è calda e la caratteristica secondaria è l’essere scura.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pigmentazione è il tuo essere calda che si nota in ogni aspettodel tuo viso:la pelle, i capelli e gli occhi hanno tutti sfumature ricche e dorate.

Inoltre, la tua colorazione è morbida e scura anziché chiara. Ciò significa che invece di distinguersi chiaramente, i colori di pelle capelli e occhi si completano a vicenda e si fondono insieme. Il contrasto generale è medio.

 

OCCHI

Gli occhi True Autumn sono ricchi e caldi. Spesso sono un mix di marrone, verde e oro. I colori più comuni sono verde caldo/verde oliva intenso, nocciola scuro, ambra e marrone dorato. Sebbene possano verificarsi, anche se raramente, occhi blu intenso con una sfumatura verde acqua e caldi occhi marrone cioccolato.

 

PELLE

La pelle True Autumn ha evidenti sfumature calde, il che significa che le donano i gioielli in oro rispetto a quelli in argento. Le tonalità della pelle vanno dal miele al beige caldo al bronzo dorato. La pelle può abbronzarsi facilemnete e sono comuni le lentiggini. La cosa più distintiva della colorazione della pelle è il bagliore dorato che emana quando abbinato ad abiti dai colori ricchi e caldi. se indossa un capo nero, la pelle può apparire giallastra

CAPELLI

Come le altre caratteristiche, i capelli irradiano un ricco tono caldo. È disponibile in una varietà di sfumature: dal biondo grano al marrone dorato medio, al ramato. Quando esposti al sole, i capelli True Autumn si arricchiscono di riflessi dorati, caramello, bronzo o ruggine.

 

STYLING

True Autumn è l’apoteosi dell’Autunno in tutto il suo splendore. Le foglie degli alberi mostrano i loro più bei colori dai marroni, agli arancioni, ai gialli. Sono i campi di grano dorati, i raggi del sole caldi e i colri del tramonto.

I colori qui a sinistra sono rappresentativi dei colori caldi e ricchi che fanno parte della palette dei colori True Autumn. Sono leggermente attenuati, medio-scuri e hanno un sottotono giallo che li rende perfetti da abbinare a una carnagione calda. Contiene inoltre verdi dorati, gialli caldi, rossi aranciati e molti marroni dorati. I colori sono tutti densi, ricchi e caldi.

L’Autunno è una stagione dei colori tenui. Tuttavia, i colori True Autumn considerati nel loro insieme ci appaiono ricchi e vibranti. La loro delicatezza è evidente solo se li confrontiamo con quelli di una stagione molto luminosa come la Primavera.

Dark Autumn è la sotto-stagione più scura della famiglia Autumn. Come gli altri due Autunno, la sua colorazione è calda e tenue, ma la caratteristica principale della sua palette è la profondità dei colori.

Dark Autumn è una delle tre stagioni Autunno e si colloca tra True Autumn e Dark Winter nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Dark Winter, questa sotto-stagione è calda. Tuttavia, entrambe le sotto-stagioni condividono alcuni colori essendo entrambe una miscela di Inverno e Autunno, con Dark Winter che tende maggiormente verso la palette Winter e Dark Autumn che tende verso quella Autunno.

Dark Autumn è una sotto-stagione di alto contrasto di capelli e occhi rispetto alla pelle. C’è anche un alto contrasto tra l’iride e la sclera dell’occhio. Nelle immagini qui sotto puoi vedere la grande differenza di tonalità tra le caratteristiche del viso. Mentre i capelli e gli occhi sono molto scuri, la pelle risulta molto chiara

Sei una Dark Autumn se la caratteristica dominante del tuo aspetto generale è l’essere scura e la caratteristica secondaria è l’essere calda.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pigmentazione sono i capelli e gli occhi molto scuri. Abbastanza spesso, anche la pelle è tendente a un tono scuro, ma c’è sempre un alto contrasto coi i capelli e gli occhi.

 

OCCHI

I colori più comuni degli occhi Dark Autumn sono nocciola scuro, verde scuro, marrone scuro caldo e nero. Anche se molto rari, gli occhi di questa sotto-stagione possono anche essere blu scuro.

 

PELLE

La pelle è neutra ma con un sottotono caldo – il che significa che sia l’oro che l’argento ti donano, ma l’oro decisamente di più. Si va dall’avorio al caldo marrone cioccolato, al beige dorato. Le sfumature della pelle possono essere dorate o rosse. La pelle dark Autumn tende a essere piuttosto pallida in inverno, ma si abbronza facilemnte al sole e non si scotta.

 

CAPELLI

I capelli Dark Autimn vanno dal marrone dorato medio allo scuro, fino al castano scuro, ma con sfumature dorate o bionde. Indipendentemente dal colore, hanno un bagliore ricco, caldo e profondo.

 

STYLING

Dark Autumn è la stagione delle serate di fine autunno, quando gli ultimi raggi del sole colpiscono la terra, le ombre diventano lunghe, ma rimane ancora un po’ di calore della giornata.

I colori qui a sinistra sono rappresentativi dei colori scuri e ricchi che fanno parte della palette dei colori Dark Autumn. I suoi colori sono leggermente meno caldi e i più pigmentati della famiglia Autunno. Questa è la più scura delle palette Autunno.

INVERNO

L’inverno è caratterizzato dai contrasti di luce e di ombra in cui si trovano colori puri come il bianco (della neve) e colori scuri degli arbusti senza foglie.

Le principali caratteristiche di questa tipologia cromatica  sono:

  • Sottotono: Freddo
  • Toni: Scuri
  • Pelle: olivastra/grigiastra/porcellana/rosata
  • Occhi: castano scuro/grigi/chiari in contrasto con i capelli e con sclera molto bianca.
  • Capelli: castano scuro/neri/sale e pepe.

L'inverno ha una colorazione scura, fredda e brillante. Caratterizzata da colori profondità e un contrasto molto elevato. Contrariamente alla dolcezza dell'estate, l'aspetto di questa stagione è luminoso. La stagione Winter è divisa in tre sotto-stagioni: Dark Winter, True Winter e Bright Winter.

DARK
WINTER

Dark Winter è la combinazione ditoni scuri e freddi. Questa sotto-stagione segna il passaggio dall’Autunno all’Inverno rendendo la pelle, i capelli e gli occhi neutri. La caratteristica principale di questa sotto-stagione è la colorazione profonda e scura delle caratteristiche del viso. Rispetto a True Winter, possono apparire più caldi ma con la tipica brillantezza invernale.

I colori Dark Winter sono i meno intensi della famiglia Winter. Detto questo, sono comunque molto più intensi di qualsiasi altra stagione.

true
WINTER

True Winter è la combinazione di freddo e chiaro. La più fredda della famiglia Winter, questa sotto-stagione è priva di colori caldi. L’alto contrasto tra pelle, occhi e capelli è molto evidente.

Per riflettere questo elevato contrasto naturale, la palette dei colori True Winter presenta tonalità intense e fredde.

BRIGHT
WINTER

Bright Winter è la combinazione di chiaro e freddo. Questa sotto-stagione sfocia nella primavera e come Bright Spring, la sua caratteristica distintiva è la luminosità che si irradia dal viso.

La palette di colori Bright Winter è una versione ancora più intensa e satura della palette di colori True Winter necessaria per soddisfare l’elevato livello di contrasto del suo viso

La caratteristica principale delle Dark Winter sono la profondità e l’intensità di pelle, capelli e occhi.

Dark Winter è una delle tre stagioni invernali e si colloca tra Dark Autumn e True Winter nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Dark Autumn, questa sotto-stagione è fredda.

Dark Winter è una sotto-stagione dal contrasto molto elevato tra pelle, capelli e occhi oltre che tra l’iride e la sclera dell’occhio. Nelle immagini seguenti, ne puoi notare le grandi differenze di tonalità: mentre i capelli e gli occhi sono completamente scuri, la pelle appare molto chiara se messa in relazione.

Sei una Dark Winter se la caratteristica dominante del tuo aspetto generale è l’essere scura, e la caratteristica secondaria è l’essere fredda.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua colorazione è che i tuoi capelli e gli occhi sono di un colore scuro mentre la pelle risulta relativamente più chiara.

 

OCCHI

In linea con la tua caratteristica dominante, gli occhi di Dark Winter sono scuri: dal marrone scuro al nero. È anche possibile riscontrare colori come il verde oliva molto scuro, il nocciola scuro e persino un blu molto profondo.

 

PELLE

La pelle è neutra, il che significa che sia l’oro che l’argento le stanno bene. La carnagione può variare dall’alabastro all’oliva dal marrone rosato al marrone scuro profondo. Indipendentemente dal suo colore, la pelle Dark Winter ha sempre un alto contrasto rispetto ai capelli e agli occhi. In genere, la pelle si abbronza facilmente.

CAPELLI

I capelli sono scuri, dal marrone medio al marrone scuro al nero. Generalmente non varia la colorazione se esposta al sole. In questa sotto-stagione rientrano anche i capelli silver e i sale e pepe.

 

STYLING

Dark Winter è la stagione delle notti profonde, quando le stelle brillanti contrastano con il cielo nero e blu, creando un’atmosfera di mistero e magia.

I colori della sua palette sono profondi, freddi e intensi: inludono anche il bianco puro e il rosa ghiacciato, per permettere il forte contrasto che c’è nel viso, oltre al rosso reale, al bordeaux e al nero.

True Winter è caratterizzata dal sotto-tono della sua pelle freddo e brillante e dai suoi occhi e capelli in contrasto.

Come il suo aspetto naturale, anche la sua palette contiene colori freddi e altamente contrastanti come uno scarlatto audace, un bianco brillante e un nero profondo.

True Winter è la stagione Inverno originale nell’analisi del colore delle 4 stagioni e si colloca tra Dark Winter e Bright Winter sul diagramma di flusso stagionale.

La sua stagione opposta è True Summer, e in contrasto con quest’ultima, l’aspetto di True Winter è brillante e fortemente contrastata.

Questa sotto-stagione ha un netto contrasto tra la pelle, i capelli e gli occhi, così come tra l’iride e la sclera dell’occhio. Nelle immagini seguenti, puoi vedere le grandi differenze di tonalità tra le caratteristiche del viso. I capelli sono molto scuri rispetto alla pelle e agli occhi.

Sei una True Winter se la tua caratteristica dominante è il tono freddo e la caratteristica secondaria è la pelle chiara.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pigmentazione è il tuo essere fredda che domina su pelle, capelli e occhi.

Inoltre, la tua pelle, gli occhi e i capelli hanno un aspetto brillante, non ci sono tracce di colori caldi o tenui.

 

OCCHI

Gli occhi di questa stagione sono di solito freddi con sfumature blu: grigio, blu, blu-viola, nocciola ghiacciato, grigio scuro o persino marrone scuro freddo.

 

PELLE

La pelle di una True Winter è fredda. Ha sfumature blu chiaro e le dona molto l’argento. La pelle è in genere una tonalità di beige o nero e possono esserci lentiggini sul viso.

CAPELLI

I capelli sono generalmente scuri, vanno dal marrone medio cenere al marrone scuro cenere. I capelli di questa sotto-stagione non ha riflessi naturali e invecchiando diventano silver o sale e pepe

 

STYLING

I colori della True Winter sono quelli caratteristici dei mesi invernali: questi colori giocano tutti agli estremi di luce, buio e brillantezza. Sono quelli presenti nel cielo notturno senza luna e ai poli della Terra.

La palette qui a finaco è ricca di colori freddi e contrastanti che riprendono le tonalità naturali del suo viso.

Questa sotto-stagione è la più fredda e bluastra della stagione Inverno. La palette è fredda e sembra essere coperta di brina: contiene rosa e blu ghiacciati, rosa intenso e blu scuro.

Anche se il contrasto tra i colori è elevato, i toni molto scuri sono notevolmente bilanciati con colori complementari e di accento più luminosi.

Bright Winter è la sotto-stagione con il più alto livello di contrasto tra pelle, occhi e capelli.

Bright Winter è una delle tre stagioni invernali e si colloca tra True Winter e Bright Spring nel diagramma di flusso stagionale.

A differenza di Bright Spring, questa sotto-stagione è fredda. Tuttavia, entrambe le sotto-stagioni condividono alcuni colori in quanto entrambe sono una miscela di Primavera e Inverno.

Nelle immagini seguenti, puoi vedere le grandi differenze di tonalità all’interno del viso: mentre i capelli sono estremamente scuri, gli occhi e la pelle sono molto chiari.

Sei una Bright Winter se la caratteristica dominante del tuo aspetto generale è l’essere chiara e la caratteristica secondaria è l’essere fredda.

Quando ti guardi allo specchio, la prima cosa che noti della tua pigmentazione è l’alto contrasto tra capelli, pelle e occhi, contrasto che ti dona un aspetto nitido e chiaro. Molto probabilmente, i tuoi occhi saranno ciò che le persone notano per primo.

OCCHI

Le Bright Winter hanno di solito occhi straordinariamente luminosi e scintillanti: sono la prima cosa che la gente nota. I colori vanno dal blu brillante al ciano brillante e dal verde smeraldo al nocciolo chiaro, indipendentemente dal colore sono sempre freddi e con sfumature bluastre.

Anche le persone di colore hanno gli occhi luminosi, simili a gioielli.

PELLE

La pelle è neutra, il che significa che le donano sia i gioielli oro che gli argento. Il suo incarnato è chiaro e spesso dà la sensazione di luminosità. Le pelli più scure hanno un aspetto brillante.

 

CAPELLI

I capelli sono piuttosto scuri in contrasto con la pelle e gli occhi più chiari. Possono variare dal marrone medio allo scuro fino al nero e può avere sfumature blu o frassino. Molto raramente, possono verificarsi anche capelli platino.

 

STYLING

Bright Winter è la stagione in cui il sole illumina sempre più le bianche distese di neve e iniziano a spuntare i primi fiori. Il gioco della luce solare sui freddi paesaggi invernali crea un’immagine luminosa e scintillante.

I colori della sua palette contengono tonalità vibranti e sature, estremamente intense, sia chiare che scure come: il verde smeraldo, il rosso rubino, l’ametista o il blu zaffiro.

Bright Winter si trova tra l’inverno e la primavera. I suoi colori – come quelli di tutti gli inverni – sono principalmente freddi, profondi e luminosi. Ma, grazie alla vicinanza con la primavera, possono donarle anche colori leggermente più caldi e chiari.

Se hai amato questo argomento e desideri approfondire la tematica dell’Armocromia e conoscere meglio il metodo dei colori amici che rivoluziona la vita e non solo l’immagine ti consiglio di leggere il libro di Rossella Migliaccio “Armocromia” che trovi CLICCANDO QUI

BIBLIOGRAFIA

“Armocromia” di Rossella Migliaccio

“Smart Beauty” di Elisa Bonandini

“Professione consulente d’immagine” di Margherita Perico

“Color Analysis. What? Why? How?” di Pamela Graha

“Color your style How to wear your true colors” di David Zyla

 

PIC by PINTEREST.COM